Il culto mariano in Oriente e Occidente

a cura della professoressa Anna Maria Marletta Panebianco

ARCHEOCLUB – Nell’ambito delle conferenze organizzate dalla presidente dell’archeoclub d’Italia , prof,ssa Giussi Liuzzo giorni fa ha presentato la prof,ssa Anna Maria Marletta Panebianco che ha parlato  “Del culto mariano in oriente e occidente. Il culto di Maria , ha evidenziato la relatrice, risale a Costantino il Grande che nel 330 consacrò alla Madonna Bisanzio, la nuova Roma. Grande importanza ebbe la madre di Dio nella civiltà mondiale perché le varie nazionalità che governavano l’Impero sentivano il bisogno di una sola fede e poiché Maria era il fulcro di questa fede, il suo culto si propagò in Europa, Asia e Africa. Maria è soprattutto Ausiliatrice perciò è frequente l’invocazione alla Madonna non solo in campo religioso, ma anche laico: ne sono prova i sigilli della vita militare, civile e commerciale. La sfragistica militare è sorta in seguito ad una legge imperiale che designava l’esercito con il nome di Sante Legioni, dato che si combatteva non solo per l’Impero, ma anche per la chiesa.