Archivi categoria: Itinerari Turistici

Itinerari turistici per far scoprire le bellezze della nostra isola.

Inaugurazione restauro Madonna del latte

Consiglieri nazionali per la Sicilia, Maria Rosa Vitaliti, presidente archeoclub Regina Eleonora  sede di Belpasso,  e Giusi Liuzzo, presidente archeoclub d’Italia sede di Catania hanno presenziato all’inaugurazione del restauro dell’affresco della Madonna del Latte nella chiesa rupestre del Crocifisso di Lentini salvata e finanziata dall’archeoclub di Lentini Il presidente dell’archeoclub di Lentini , prof. Pippo Cosentino, ha sottolineato come l’archeoclub di Lentini in collaborazione con il parroco  Maurizio Pizzo ha  restituito leggibilità all’opera contribuendo  a valorizzare il sito. Il restauro è stato realizzato in linea con il programma di recupero  dell’antico edificio La Madonna che allatta rappresenta l’iconografia del trecento che abbandonando le caratteristiche stilizzate diventa più  umana , tanto da diffondersi in tutta Europa  per oltre due secoli. L’affresco si trova  sulla parete nord  della grotta del Crocifisso, considerata uno dei più importanti oratori della Sicilia bizantina, ed appartiene  ad una fase  pittorica del tardo gotico, databile tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo .La Madonna  è rappresentata figura intera  mentre allatta il bambino, indossa una veste rossa  con perline ai polsini e un manto che la copre dalla testa ai piedi. Questo mantello  è esternamente  di colore blu mentre all’interno è di due colori , rosso nella parte che avvolge  il capo reclinato  verso Gesù e ocra nella parte inferiore. Le fasi più lunghe  dell’intervento sono state  il consolidamento del supporto  e l’integrazione pittorica a causa  delle numerose lacune , il restauro è stato realizzato  dalla dott.ssa Raffaella D’Amico con la collaborazione  di Barbara Di Natale.

La Santa Pasqua,

viaggio tra i tesori artistici Chiesa Madre di Belpasso

Archeoclub d’Italia Belpasso – Nell’ambito delle conferenze, conosci e racconta il tuo paese, il Consigliere Nazionale e presidente dell’Archeoclub d’Italia sede di Belpasso, Maria Rosa Vitaliti, ha presentato nell’auditorium della scuola media statale N. Martoglio la conferenza sul tema “ La Santa Pasqua, un viaggio tra i tesori artistici della Chiesa Madre di Belpasso : A Tila di  Zenone Lavagna ed il Crocifisso ligneo dei Flagellanti di Malpasso”, a cura del Dott.re Alfio Di Mauro. che, coadiuvato dalle immagini inizia il suo racconto: “Dalla cappella della confraternita dei Flagellanti dell’antica Malpasso proviene il grande Crocifisso ligneo, notevole opera del primo 600, a parlare è il dott.re Alfio Di Mauro, che aggiunge, la figura presenta il Cristo in Croce che sta per  esalare il suo ultimo respiro con lo sguardo rivolto al cielo e l’addome incavato, secondo una iconografia che si affermerà  nel seicento inoltrato.

Continua la lettura di La Santa Pasqua,

Abbazia S. Maria di Maniace e Nebrodi catanesi

Abbazia Santa Maria di Maniace
Abbazia Santa Maria di Maniace

Itinerario intera giornata     (da Belpasso)
Nei comuni di Maniace, Randazzo e Bronte  si inserisce una piccola porzione della catena dei Nebrodi.
Si tratta di terreni sedimentari di età compresa fra i 100 e 20 milioni di anni. Su di essi si estendono le umide ed ombrose faggete della Foresta Vecchia, di Grappidà e della Faucera.
L’area interessata del Parco dei Nebrodi che ricade nel territorio dei comuni sopra citati della Provincia di Catania. La zona si presenta ricca di acque, vi scorrono l’Alcantara e il Simeto, quindi piccoli corsi d’acqua quali: Flascio, Saracena, Cutò, Martello, Serravalle e San Cristoforo.
Sulle sponde del torrente Saracena, che lambisce l’attuale Castello di Nelson, sorgeva una vecchia grancia (fattoria rurale monastica) basiliana dipendente dal Monastero di S. Filippo di Fragalà, presidio della trazzera regia, dove si trovava un fortilizio che faceva parte del sistema di difesa, primo caposaldo di guardia dell’importante arteria collegata alla città di Randazzo. La Regina Margherita moglie di Guglielmo II il Malo, dalla sua pietà verso la Madonna, in questo luogo, volle creare un cenobio benedettino come testimonianza della sua filiale devozione (1173).

INFO: Carmelo Nicoloso 3392482300-3421999365

Tour con guida naturalistica anche in inglese/francese.
Possibilità di organizzare escursione per gruppi, con degustazione di prodotti tipici locali.